[Vincere le medaglie non ti farà sentire bene]

Una volta ho letto un’intervista a Lance Armstrong, il ciclista.

E diceva più o meno qualcosa del genere.

“La cosa che amo davvero del ciclismo non è il podio, le medaglie e neanche i soldi. Quello che mi piace è il processo che ti porta ad essere al massimo nel tuo settore. Mi mancano le ore passate a soffire negli allenamenti fino al punto in cui me la gioco per vincere.

Io amavo il processo, la pianificazione, lavorare con i miei allenatori. Avrei pagato per fare quel lavoro, e mi sarei allenato gratis. Non mi mancano i risultati, mi manca il lavoro per arrivare a quei risultati”.

Quanto è diverso da chi ragiona in termini di

“Adesso mi sacrifico così quando avrò tanti soldi mi finalmente posso mettermi a fare quello che davvero voglio”.

?

Dico spesso che la motivazione non serve per ottenere migliori risultati. Ed è così.

E’ totalmente irrilevante avere il coach motivatore che ti esalta e ti incita.

Quello ti serve se stai cercando solo i risultati, ma non ami il processo per arrivarci.

Ma in questo caso la vedo molto difficile che tu riesca ad ottenere risultati eccezionali.

Devi imparare a funzionare senza la droga della motivazione. Con la sola ‘benzina’ che nasce dal goderti il processo.

Se vuoi scoprire come si fa partecipa al Corso Intensivo ReSonance. Imparerai a generare migliori performance per te e ad aiutare gli altri, il tuo team, la tua organizzazione a fare la stessa cosa.

Clicca qui sotto.

 

https://www.simonepacchiele.com/corso-coaching-estate-2018/

Scrivi un commento

*

Entra GRATUITAMENTE in Coaching Italia, il Gruppo sul Coaching Professionale

x
Vai alla barra degli strumenti